Alinari Storia D'Italia
Università IULM Fratelli Alinari Università degli studi di Milano con il contributo di
Fondazione Cariplo

Precedente
  • Alpinista ritratto davanti alle Tre Cime di Lavaredo, Auronzo di Cadore, Belluno

    Alpinista ritratto davanti alle Tre Cime di Lavaredo, Auronzo di Cadore, Belluno

  • Osservatorio sull' Etna ( m.2942)

    Osservatorio sull' Etna ( m.2942)

  • Il Gran Sasso

    Il Gran Sasso

  • Monte Pollino

    Monte Pollino

  • Albero e campi

    Albero e campi

  • Verde paesaggio collinare nei pressi di Certaldo, Firenze.

    Verde paesaggio collinare nei pressi di Certaldo, Firenze.

  • Ruderi della torre dauna e paesaggio a Pietramontecorvino (FG)

    Ruderi della torre dauna e paesaggio a Pietramontecorvino (FG)

  • "Dopo il tramonto", Molise

    "Dopo il tramonto", Molise

  • Veduta della pianura di Assisi con al centro la basilica di Santa Maria degli Angeli

    Veduta della pianura di Assisi con al centro la basilica di Santa Maria degli Angeli

  • Parco dell'Uccellina. Mucca "Maremmana" nella tenuta di Alberese

    Parco dell'Uccellina. Mucca "Maremmana" nella tenuta di Alberese

  • La pianura di Rivisondoli

    La pianura di Rivisondoli

  • Campi del Tavoliere delle Puglie

    Campi del Tavoliere delle Puglie

  • Il Tevere visto da Titignano

    Il Tevere visto da Titignano

  • Veduta dell'Arno dal Parco delle Cascine, Firenze

    Veduta dell'Arno dal Parco delle Cascine, Firenze

  • Visione del Po in piena in provincia di Ferrara.

    Visione del Po in piena in provincia di Ferrara.

  • Paesaggi Italici nella Divina Commedia: "Il lago di Garda" (Inf. XX, 61-63)

    Paesaggi Italici nella Divina Commedia: "Il lago di Garda" (Inf. XX, 61-63)

  • Rocce rosse presso Arbatax

    Rocce rosse presso Arbatax

  • Parco dell'Uccellina

    Parco dell'Uccellina

  • I Faraglioni. Capri

    I Faraglioni. Capri

  • Tratto di costa lungo la strada che conduce da Sorrento ad Amalfi.

    Tratto di costa lungo la strada che conduce da Sorrento ad Amalfi.

Successivo

Paesaggio naturale

Per i geografi il paesaggio rappresenta, all'interno di una cornice di elementi naturali, la materializzazione nello spazio geografico dei processi storici, articolati secondo i meccanismi insediativi, le presenze culturali e artistiche, gli eventi di varia natura, l'evoluzione dei modi di produzione. Tra gli aspetti naturali quelli che più concorrono all'individuazione di un paesaggio sono le forme del suolo e la vegetazione (paesaggio di montagna o di pianura; paesaggio forestale o di prateria o desertico); tra i fattori umani, i caratteri dell'insediamento e, soprattutto, dell'economia rurale (tanto che il paesaggio agrario è divenuto uno dei temi più frequentati dalla ricerca geografica). Nell'evoluzione del pensiero geografico il concetto di paesaggio ha svolto un ruolo importante fin dai tempi di Alexander von Humboldt, il quale agli inizi dell'Ottocento presentava una serie di paesaggi quale introduzione e stimolo allo studio della geografia. Molto più tardi, all'inizio del Novecento, Friedrich Ratzel vi vedeva piuttosto la fase culminante della ricerca geografica, mentre poco dopo veniva elaborata la cosiddetta Landschaftskunde (scienza del paesaggio), con la quale la geografia stessa finiva con l'identificarsi. Per i geografi il paesaggio veniva così a essere l'insieme dei segni che caratterizzano un lembo più o meno ampio della superficie terrestre: segni dovuti a forze naturali (paesaggio naturale ) e/o all'opera umana (paesaggio culturale). Fino a oltre la metà del XX secolo il paesaggio è rimasto una delle chiavi più usate di interpretazione della superficie terrestre, anche per merito dei rilevanti contributi di studiosi italiani, come Renato Biasutti e Aldo Sestini. Successivamente, conclusa la fase della definizione del termine, si sono manifestati alcuni tentativi di rilettura e di ricodificazione paradigmatica. Questi hanno coinvolto le discipline che tradizionalmente hanno come oggetto di studio i fenomeni territoriali (quali la geografia, l'urbanistica e l'architettura), cui si sono aggiunti altri ambiti disciplinari, in qualche modo coinvolti nel dibattito scientifico. È il caso delle discipline artistiche, della storia, dell'economia, della sociologia ecc. È soprattutto nell'ambito delle scienze umane che è maturata l'esigenza di aggiornamento concettuale: la tradizionale distinzione tra paesaggio naturale e paesaggio umanizzato è stata definitivamente superata in conseguenza della progressiva affermazione dei concetti relativi al processo di territorializzazione.

Approfondimenti

  • Montagna

    L'Italia è delimitata a nord dalla vasta catena montuosa delle Alpi, che costituisce un patrimonio naturalistico ed estetico unico in Europa. Qui sono nati i primi parchi nazion... >>

  • Collina

    La parte più estesa del territorio peninsulare è formata da colline. Queste terre di declivio, soprattutto quelle poste fra l'Appennino e il mare, hanno costituto l'area in cui ... >>

  • Pianura

    Il territorio italiano è composto per il 55% circa di colline, per il 25% per cento di pianure (circa 75.000 kmq) e infine dalle montagne che, insieme con le valli, occupano il ... >>

  • Laghi e fiumi

    Negli ultimi anni la risorsa “acqua” viene considerata spesso come elemento instabile, causa principale di situazioni di pericolo legate alle alluvioni o ai disastri di inquinam... >>

  • Paesaggio costiero

    La penisola italiana con le sue isole, posta al centro del Mediterraneo, gode di una posizione marittima straordinaria. Un perimetro di poco meno di 8.000 km di coste, alcune... >>


Cerca

Filtra per data